Cabral: “Pensiamo a noi stessi, siamo molto consapevoli”

L’attaccante brasiliano arrivato a Firenze a gennaio ha parlato della sua stagione con la maglia viola

Arthur Cabral ha parlato ai canali ufficiali della Fiorentina: “La città di Firenze è bellissima e sono stato ben accolto dai tifosi, dalla città e anche dal club“.

SUL SUO RENDIMENTO: “Mi sento più pronto e ogni giorno conosco meglio questa realtà e l’allenatore. Sto meglio di quando sono arrivato e sono sicuro che continuerò a crescere ogni giorno e in ogni allenamento“.

SULLE DIFFERENZE TRA CAMPIONATO SVIZZERO E SERIE A: “Ci sono differenze dal punto di vista difensivo. Qui c’è molto più pressing e l’atteggiamento delle squadre è più improntato proprio sulla pressione. Ci sono differenze in questo e appunto nell’atteggiamento difensivo delle squadre“.

SULLA TIFOSERIA: “L’impressione è stata molto buona sono stato ben accolto e ogni volta che scendo in campo è una festa. Sono motivato per dare il massimo e dare gioie ai nostri tifosi“.

SUL SUO CARATTERE IN CAMPO: “In campo devo cambiare e non posso essere così calmo e tranquillo come sono fuori. In campo do il massimo. L’Arthur in campo e quello fuori sono due persone completamente differenti“.

SUL PRIMO GOL IN MAGLIA VIOLA: “E’ stato un momento molto emozionante e un gol importante visto che stavamo perdendo (gol arrivato contro il Sassuolo ndr). Spero di farne molti di più così da avere molti più momenti da ricordare e celebrare“.

SUL PADRE: “Se sono quello che sono, se sono arrivato alla Fiorentina, è soprattutto merito suo e devo ringraziarlo. Anche lui è nel mondo del calcio, adesso è assistente tecnico e vice allenatore in una squadra di terza divisione del campionato brasiliano“.

SUL SUO IDOLO: “Per me è stato di grande ispirazione Ronaldo il Fenomeno. E’ stato sempre una grande fonte di ispirazione per me e cercavo di replicare le sue giocate durante le partite“.

SUL RAPPORTO CON I COMPAGNI: “Mi hanno accolto tutti molto bene. Con i giocatori sudamericani c’è un rapporto più stretto anche per questioni linguistiche. Devo dire che tutti mi hanno accolto veramente bene“.

SUL GOL SOTTO LA FIESOLE: “Ovviamente è uno dei miei sogni segnare qui al Franchi davanti ai nostri tifosi e sono convinto che succederà presto“.

OBIETTIVO RETI DA QUI A FINE STAGIONE: “Non ho mai lavorato con obiettivi e non mi sono mai prefissato di fare un certo numero di gol. Domenica abbiamo una partita molto difficile e penso solo a quella e a dare il massimo per aiutare la squadra per tutti i minuti che avrò a disposizione“.

SU COSA HA DETTO A SOTTIL DOPO L’ASSIST MANCATO CONTRO L’EMPOLI: “All’inizio ho detto parole irripetibili (ride ndr) poi però dopo ne abbiamo parlato e abbiamo chiarito tutto. Credo in lui e so per certo che se dovesse ricapitare un’occasione del genere mi passerà la palla e io farò altrettanto“.

SUL GOL IN ROVESCIATA: “Mi sarebbe piaciuto farlo contro l’Empoli, spesso provo questo gesto tecnico. Se avessi segnato contro l’Empoli sarei impazzito in campo dalla gioia“.

SUL NAPOLI: “Preferisco pensare a noi perché abbiamo una grande squadra. Preferisco pensare a quello che possiamo fare contro il Napoli. So che abbiamo un gran potenziale e che possiamo fare una grande partitaStiamo facendo una grande stagione e che possiamo fare un certo tipo di gioco. Arriviamo alla gara di Napoli con grande fiducia“.

Translate »
error: Content is protected !!