Giuffredi a Tv Play: “Ciò che sta facendo Garcia è sotto l’occhio di tutti”

Mario Giuffredi, agente sportivo del terzino del Napoli Mario Rui, è intervenuto ai microfoni di Tvplay. Ecco quanto evidenziato:

 

Mario Giuffredi, sono state ore particolari per lei. Ci tiene a specificare qualcosa?

 

“Voglio fare delle premesse: non ho risposto venerdì, dopo la conferenza di Garcia, solo perché ho grande rispetto dei miei ragazzi, della società, di Aurelio De Laurentiis e del dottor Chiavelli. Non ho voluto creare un clima ancora più teso prima della partita. Ho scelto d’esser equilibrato in un momento del genere. È doveroso, però, chiarire quello che ha detto Garcia in conferenza. Se mi avesse detto che non so gestire i calciatori, che non so fare il mio lavoro: io lo avrei accettato. È il suo punto di vista sul professionista, così come io ho espresso un giudizio sul suo operato. Viste come sono andate le cose, è doveroso che torni sull’argomento: il signor Garcia si è addentrato in argomenti umani e privati che coinvolgono me ed un mio assistito. È una sfera che non gli compete: sono rapporti tra me ed i miei giocatori. 

Si parte da Garcia e da quella dichiarazione venerdì in conferenza. Mario Rui non è d’accordo con il suo procuratore

 

“Garcia ha inventato tutto nelle sue dichiarazioni, parlando del rapporto tra me e Mario Rui. Mi spiego. Primo: ha sbagliato totalmente a coinvolgere il calciatore. Mario Rui andava tenuto fuori. Se Garcia ha voluto esporre il giocatore come ha fatto, doveva portarlo in conferenza e far dire a lui quanto ha esposto sul nostro rapporto, senza inventare nulla di sana pianta. Io non ho mai visto un allenatore provare a metter contro il suo assistito al suo agente. Ha commesso un grave errore: Mario Rui è uno dei miei primi giocatori, lo seguo da 13 anni, fa parte della mia famiglia personale. Se la tua intenzione era mettere me contro il giocatore ha completamente sbagliato bersaglio. Ha mentito perché oggi sto replicando ed il mio calciatore non mi ha certo impedito di rilasciare questa intervista.

 

Ci tengo ad aggiungere un altro aspetto, per far comprendere lo “spessore” del professionista Garcia. Poniamo il caso che Mario Rui avesse perso la testa in un colloquio privato con il suo allenatore ed avesse realmente detto ciò che Garcia si è inventato in conferenza stampa. I colloqui tra tecnico e calciatore non vanno mai sbandierati in conferenza stampa. I panni sporchi si lavano nello spogliatoio e non vanno portati in conferenza stampa”

 

Garcia l’ha definita un agente che ‘piange’. Lei si sente tale?

“Il verbo piangere non è mai esistito nel mio vocabolario. Sono un uomo combattivo. Chi mi conosce ed avrà sentito queste parole sicuramente avrà riso di gusto. La mia storia dice che mi appartiene un solo verbo: combattere e non piangere. Aggiungo un aggettivo per definirmi: credibile. Ogni agente deve esser credibile per lavorare a questi livelli e nessuno può pensare di minare la mia credibilità nel rapporto con i miei assistiti”.

 

La sconfitta contro la Fiorentina cosa ha dimostrato?

 

“Non voglio parlare dell’operato di Garcia in Napoli-Fiorentina. La lascio commentare agli addetti ai lavori: quello che spiega il campo è sotto gli occhi di tutti”.

 

A proposito di Mario Rui, ma si è incrinato il rapporto con il suo assistito?

 

“È più facile che io e Mario Rui cambiamo moglie più che si incrini il nostro rapporto. Questo per certificare la solidità umana e professionale del nostro rapporto. Basta che la società lo lasci parlare alla stampa per confermarlo. Ci tengo a sottolinearlo perché si tratta di un ragazzo sano con grandi principi. Anche al ragazzo ha dato enorme fastidio immaginare che si possa esser messo contro il suo agente”.

La gestione Mario Rui ha palesato vuoti dirigenziali nel Napoli?

 

“Sono rimasto profondamente deluso dal direttore Mauro Meluso. In questa storia ha svolto un lavoro non positivo. Se tu, al mattino, chiami un mio giocatore e gli chiedi di andare a chiarire con il suo allenatore e Mario Rui, il primo del gruppo che vuol lavorare serenamente, va a colloquio con l’allenatore e chiarisce alcuni aspetti, dopo devi esser sicuro che la questione non debba avere strascichi. Perché se poi il tuo allenatore va in conferenza e non chiude il caso, ma apre una polemica toccando nel personale l’agente del calciatore, mi spiace dirlo ma vuol dire che da ds non hai mai avuto il controllo della situazione o ti è sfuggita di mano. Infatti, dopo la conferenza di Garcia, ho chiamato Meluso e mi ha spiegato che Mario Rui mai ha detto quelle parole”.

 

È pronto a chiudere la vicenda con un colloquio privato con Rudi Garcia?

 

“Non mi interessa parlare con Garcia. La vicenda finisce qua. Spero di esser stato chiaro e di aver specificato come Garcia ha montato il caso. Lui deve fare il suo lavoro ed io faccio il mio. Ribadisco: non voglio nessun confronto. Gli risponderò sempre se dovesse nuovamente entrare in argomenti che non gli competono come quelli di entrare nelle vicende personali che mi legano ai miei assistiti

Translate »
error: Content is protected !!