I PRESIDENTI DELLA B VOGLIONO GIOCARE LA DOMENICA

I PRESIDENTI DELLA B VOGLIONO GIOCARE LA DOMENICA src=

CALCIO: I PRESIDENTI DI SERIE B: "VOGLIAMO GIOCARE DI DOMENICA"

I Presidenti e i rappresentanti più autorevoli delle società che parteciperanno al prossimo campionato di serie B sono intervenuti a Marte Sport Live, trasmissione quotidiana dell'emittente campana Radio Marte, chiarendo quel è la loro posizione, uno per uno, sulla possibilità che il campionato cadetto torni a disputarsi di domenica:

CLUB FAVOREVOLI A GIOCARE DI DOMENICA

NAPOLI – Il presidente Aurelio De Laurentiis: "Sono contrario al sabato, si deve giocare la domenica. Basta con figli e figliastri, se la B interessa a qualcuno quel ualcuno deve dargli la dignità affinché le partite si giochino di domenica. Altrimenti se non interessa a nessuno meglio abolirla".

GENOA – Il presidente Enrico Preziosi. "Inseguiamo da tempo l'idea che sia nettamente più favorevole giocare di domenica. Siamo orientati verso questa ipotesi e ci stiamo muovendo per far si che diventi realtà"

VICENZA – Il presidente Sergio Cassingena: "Vogliamo giocare di domenica perché la domenica rappresenta l'habitat naturale del calcio".

BRESCIA – Il presidente Gino Corioni: " La B fu spostata al sabato per questioni di diritti tv e di visibilità. Pensavamo valesse di più in un giorno diverso dalla serie A. In questo momento non sono in grado di fare verifiche sulla effettiva bontà delle partite al sabato. Tuttavia credo in ogni caso che sia meglio tornare alle gare domenicali trovando magari un accordo per incassare il più possibile dalle televisioni. Su questo aspetto club come il Napoli e la Juventus potrebbero aiutarci molto in fase di contrattazione".

MANTOVA – Il ds Giuseppe Magalini: "Noi saremmo ben felici che si torni a giocare la domenica. Quello è il calcio vero con più spettatori e maggior interesse. Il progetto sabato non è stato negativo, ma neanche positivo quindi decisamente meglio tornare all'antico".

PIACENZA – Il dg Maurizio Riccardi: "Ho sempre asserito che la domenica sia il giorno ideale per il calcio e continuerò a lottare, come ho fatto negli ultimi due anni, affinchè il campionato di B torni a giocarsi la domenica".

FROSINONE – Il presidente Maurizio Stirpe: " Sono senz'altro in linea con chi vuole che la B si giochi di domenica. Noi, inoltre, avremmo grosse difficoltà a giocare di sabato in casa perché il nostro stadio è posto al centro della città e l'affluenza dei tifosi di sabato creerebbe notevole disturbo ai commercianti e alle famiglie oltre alle prevedibili conseguenze negative sul traffico".

AREZZO – Il presidente Piero Mancini: "Ci farebbe davvero piacere tornare a giocare di domenica. Noi non abbiamo particolari problemi con lo stadio perché il nostro impianto è fuori città. Tuttavia preferiamo disputare le partite la domenica rispetto al sabato".

CESENA – Il segretario generale Gabriele Valentini: "Abbiamo sempre espresso positivamente il giudizio sulle gare domenicali. Se le condizioni dettate dagli accordi televisivi sono quelle dell'anno scorso non c'è dubbio che faremo di tutto per giocare la domenica".

MODENA – Il presidente Luca Baraldi: "Noi del Modena, così come il Napoli per esempio, siamo fortemente orientati a giocare di domenica le partite di campionato, ovvero nel giorno in cui la gente ha voglia di vedere il calcio. Il sabato invece la gente lavora e non può dedicarsi più di tanto allo svago. Mi adopererò con tutti i mezzi a disposizione per ripristinare le partite di serie B alla domenica".

VERONA – Il presidente Giovambattista Pastorello: "L' esperimento della passata stagione è stato fallimentare. Abbiamo assistito ad una emorragia di spettatori dovuta a molteplici fattori tra cui quelli dei negozi aperti e degli studenti impegnati con le lezioni. Qualcosa non è andato quindi meglio tornare a giocare di domenica".

LECCE – L'amministratore delegato Claudio Fenucci: "L'idea di tornare a giocare di domenica l'ho già espressa a Matarrese quando è stato eletto. L'unico handicap di tornare alle gare domenicali sarebbe quello di rinunciare ai 4 milioni di euro della Rai, che sarebbero ampiamente compensati dalla maggiore visibilità generale che darebbero gli incontri di domenica. Il sabato, ormai è chiaro, è un autentico mortorio".

TRIESTINA – Il ds Franco De Falco: "Crediamo che sia giusto che il calcio si giochi la domenica, il sabato non dà nessun beneficio, neppure di tipo economico. Noi puntiamo decisamente alle partite di domenica".

BOLOGNA – Il ds Fabrizio Salvatori: " Mi sembra logico che le gare si giochino di domenica ed il Bologna è orientato verso questa soluzione". Anche la Juventus si è espressa in modo favorevole sulle partite domenicali attraverso l'amministratore delegato Blanc in occasione della presentazione del Trofeo Moretti a Napoli.

SOCIETA' INDECISE

ALBINOLEFFE – Il dg Sandro Turotti: "L'anno scorso i diritti tv ci hanno assicurato con introiti di tutto rispetto. Quest'anno aspettiamo le proposte prima di decidere".

SPEZIA – Il dg Rocco Russo: "Se giocare la domenica comporta una entrata minore di diritti tv siamo d'accordo col sabato, in caso contrario e a parità di condizioni economiche meglio la domenica. Noi puntiamo essenzialmente ai proventi dei diritti tv".

RIMINI – Il portavoce del presidente, Boldrini: "Piu' che dalle società dipende dalla situazione complessiva degli accordi con le televisioni che hanno acquistato i diritti. La situazione dei diritti tv è molto complicata e fin quando non sarà risolta non potremo decidere nulla".

SOCIETA' CONTRARIE ALLA DOMENICA

TREVISO – Il dg Giovanni Gardini: "Ritengo che giocare tutti assieme, ovvero A, B e C, sia un grande sbaglio. Noi come Treviso vogliamo giocare in un giorno in cui non c'è la serie A perché solo così potremo sperare di ricevere un introito economico consistente. Del resto, in tutta Europa si gioca in giorni diversi tra categoria e categoria non vedo perché l'Italia debba differenziarsi dalle consuetudini degli altri campionati".

PESCARA – Il presidente Dante Paterna: "L'orientamento del Pescara è giocare di sabato perché riteniamo che solo in quel giorno la B possa avere visibilità e quindi vendibilità. Addirittura quest'anno la Rai ci ha proposto un format particolare per la serie B che tiene conto del fatto che il campionato che sta per cominciare vanta un maggior blasone rispetto a quello dello scorso anno. La Rai ci viene incontro e noi decidiamo per la domenica? Non penso sia il caso".

Translate »
error: Content is protected !!