Il punto della procura: la verità di Giuffredi

Entra nel vivo il calciomercato azzurro. Tra rumors e movimenti concreti, entra in scena Mario Giuffredi, detentore delle procure di Mario Rui, Di Lorenzo, Tutino e Hysaj. Ospite a Radio Marte nel format ” Si gonfia la rete”, è intervenuto rilasciando dichiarazioni e svelando curiosi retroscena  in merito al futuro  dei propri assistiti:

 

Mario Rui? Il Napoli ha semplicemente messo tutti i suoi calciatori sul mercato come disse De Laurentiis, compreso Mario Rui quindi. Ci sono stati sondaggi da alcune squadre turche ma sono nati e finiti lì. In questo momento gli accordi economici e il gradimento non ci sono. Storia nata e finita, credo che Mario Rui resterà a Napoli. Se arrivasse un altro esterno sinistro? Quando giochi in una squadra importante come il Napoli non ci può essere un solo titolare, ci può essere competizione e concorrenza. Il calcio è competizione, anche io ogni giorno sto in competizione con altri agenti. Chi ha paura non può stare a certi livelli e Mario Rui non ne ha, dimostrerà il suo valore a Napoli come ha fatto finora.

Hysaj? C’è stato un equivoco sotto tutti i punti di vista. Lui ha cantato la canzone perché faceva parte di una serie tv, non conosceva il significato della canzone e l’ha cantata in totale buonafede. A maggior ragione, essendo albanese e non italiano, l’ha fatto con purezza. Un gruppo di tifosi ha avuto quella reazione ma ha ricevuto anche tantissima solidarietà da tutti i tifosi della Lazio, che hanno esposto striscioni a suo favore. C’è una grandissima maggioranza di tifosi che si è comportata benissimo. Che Sarri ha trovato? Entusiasta, che piace molto alla squadra. Ha trovato una predisposizione dei calciatori ad apprendere le ideologie di lavoro. Sono convinto che, come il Napoli, la Lazio farà un grandissimo campionato. Credo molto anche nella Roma: penso siano tre squadre che potranno impensierire Inter e Juventus.

Tutino? Il lavoro procede bene, si è messo a disposizione del mister e vuole metterlo in difficoltà. Dopodiché c’è il mercato e vedremo, ci sono situazioni in Serie A e qualcuna in Serie B importante. Quando il mister e il Napoli faranno le loro valutazioni se vogliono che rimarremo lo faremo, se sarà necessario fare un’altra esperienza fuori cercheremo di capire qual è la situazione migliore. Un consiglio per lui? Non posso darglielo, devo capire al momento. Se Spalletti e il Napoli vorranno il consiglio sarà di rimanere. Quando avremo la certezza delle situazioni, gli darò il mio consiglio.

Di Lorenzo e notizie dall’Atletico Madrid? Il giocatore è sempre piaciuto ma di trattative non c’è assolutamente nulla. Dovrebbe tornare tra il 30 luglio e l’1 agosto, per il ritiro di Castel di Sangro. Se il Napoli restasse così personalmente rimarrebbe una delle candidate allo Scudetto. Spalletti ha grandissima qualità ed esperienza, può essere il valore aggiunto in assoluto del Napoli: porta tanto dal punto di vista tattico e dell’esperienza, peraltro mi dicono che fa stare bene i giocatori. Si lavora senza nessuna polemica, dal punto di vista gestionale porterà qualcosa in più al Napoli.

 

 

 

 


 

Translate »
error: Content is protected !!