Kvaratskhelia, grande colpo di Giuntoli: l’uomo giusto per caratteristiche

Sono ormai passati due mesi dal termine del campionato e mancano meno di quattro settimane a quello che verrà. Nel Napoli sono cambiate tantissime cose. Diversi pilastri tecnici della rosa hanno lasciato il club ed il mercato in entrata è ancora da sbloccare in diversi punti fondamentali del campo. Il primissimo acquisto di questo nuovo ciclo è stato Kvicha Kvaratskhelia, annunciato a campionato ancora in corso dal presidente De Laurentiis.

Il georgiano si è subito messo in mostra nelle prime due apparizioni stagionali nel ritiro pre-campionato a Dimaro. A prescindere dal tasso tecnico rispetto agli avversari e delle fisiologiche difficoltà che si potranno incontrare, quando si alzerà il livello, l’ex Dinamo Batumi ha delle caratteristiche e qualità ben delineate seppur con ampi margini di miglioramento. Abbina corsa, velocità, tecnica, salta l’uomo ed ha fiuto del gol. Ha incantato tutti il gol contro il Perugia, nato da uno scambio con Osimhen ma soprattutto per la tecnica mostrata in velocità nello stretto. Davvero un bel colpo messo a segno da Cristiano Giuntoli.

Se da un lato i desideri di Spalletti non stato stati esauditi, da punto di vista di nomi da trattenere, dall’altro la costruzione di una squadra più muscolare sta avvenendo. Kvaratskhelia, Ostigard, Olivera ma anche gli altri obiettivi che stanno rimbalzando in questi giorni frenetici di mercato rispecchiano questa caratteristica; resta, però, l’incognita portiere, ruolo fondamentale.

Kvaratskhelia e l’organizzazione tattica

Lo scorso anno abbiamo sottolineato a più riprese come mancassero degli uomini in rosa con caratteristiche tali da supportare il terminale offensivo con caratteristiche diverse dai numeri 9 visti a Napoli negli ultimi tempi, ovvero Victor Osimhen. E Kvaratskhelia insieme a Lozano, il messicano unico lo scorso anno, ha caratteristiche tali da poterlo fare. Naturalmente estremizzare il concetto, palla lunga ad Osimhen, come spesso abbiamo potuto osservare lo scorso anno, non potrà essere l’unica soluzione da ricercare soprattutto contro difese ben organizzate.

In tal senso l’eventuale uscita di Petagna ed il possibile ingresso di Simeone, potrebbe dare a Spalletti un profilo adeguato per la sua idea di gioco. Soprattutto in relazione al 4-3-3, sistema di gioco che il mister sembra orientato ad utilizzare con maggior insistenza. E Victor Osimhen in questa nuova collocazione qualche dubbio lo lascia considerando le sue caratteristiche. Ciò che rappresenta una certezza in un momento di indecisione generale è che Kvicha Kvaratskhelia. L’esterno azzurro sarà uno di quelli, del nuovo corso, che farà innamorare i supporters azzurri.

Translate »
error: Content is protected !!