Lautaro buca la resistenza azzurra: l’Inter vince la terza supercoppa di fila!

Al Awwal Park di Riyadh, Arabia Saudita – 22 gennaio 2024

L’Inter vince la terza supercoppa di fila ed eguaglia il Milan! La rete di Lautaro al 91′ buca la resistenza del Napoli che in 10 da metà gara cade sotto il colpo dell’argentino. Partita condizionata dall’episodio dell’espulsione di Simeone, l’Inter ha dominato il gioco senza però far mai paura al Napoli, fino alla rete del Toro.

La cronaca del match: 

Va in scena la finale della Supercoppa Italiana che si gioca in Arabia Saudita nello scenario dell’Al Awwal Park dell’Al Nassr, Napoli ed Inter si contendono il trofeo dedicato ai vincenti (e non solo) della scorsa stagione. Il Napoli schiera e conferma il 3-4-3 visto già in precedenza contro la Fiorentina, l’unica modifica è l’assenza di Mario Rui per un problema al piede, schierato al suo posto lo smagliante Zerbin. L’Inter si veste con un 3-5-2 e conferma tutte le previsioni della vigilia.

PRIMO TEMPO – Il primo tempo scorre veloce, mentre allo stadio arriva la terribile scomparsa della leggenda Gigi Riva, con le squadre che nei primi minuti si studiano e non lasciano spazio allo spettacolo. L’Inter è più in fiducia ed inizia dal 15esimo ad assumere il controllo del match, palleggio veloce e Napoli costretto a rintanarsi nella sua area. Le ripartenze azzurre però non funzionano, le uniche fiammate sono di Kvara che è contenuto molto bene da De Vrij. La prima vera occasione è per i nerazzurri con Di Marco: l’esterno si crea una buona occasione raccogliendo un rimpallo sui 16 metri e colpendo al volo di sinistro, il pallone esce sfiorando il palo destro. Dopo 20 minuti senza particolari eventi, all’Inter viene annullato il goal del vantaggio per fuorigioco di Thuram, partito al di la della linea azzurra prima di innescare Lautaro. I primi 45′ si concludono con due ammonizioni, una per parte: prima Rrahmani e poi Calhanoglu.

SECONDO TEMPO – Il gioco riprende con un momento di commozione generale nel ricordo del compianto Gigi Riva. Dopo il minuto di silenzio, partono i secondi 45′ e il Napoli si rende subito percioloso con Simeone che scappa dietro De Vrij ma viene abbattuto, con l’olandese ammonito. Dopo soli 6′ il Napoli ci prova con un grande tiro a giro di Kvaratskhelia ipnotizzato da Yann Sommer che respinge in angolo. Fioccano ammonizioni nel primo quarto d’ora del secondo tempo, dopo De Vrij e Zerbin, subito dopo Simeone e Barella. La svolta della gara è la doppia ammonizione a Simeone per fallo su Acerbi, rosso e Napoli in 10. Il Napoli ricorre agli aiuti dalla panchina, entrano in pochi minuti Ostigard, Lindstrom, Gaetano, Mario Rui e Raspadori per Zerbin, Politano, Kvara, Mazzocchi e Cajuste. Dopo l’espulsione è un assedio interista, il Napoli non gioca più e subisce solo attacchi laterali. Dopo una resistenza tirata, capitola la difesa azzurra sotto il colpo di Lautaro che imbeccato da Pavard insacca e chiude la gara.

UP: Gollini

DOWN: Simeone

Napoli-Inter, il tabellino

NAPOLI-INTER 0-1

Marcatori: 91′ Lautaro

NAPOLI (3-4-2-1): Gollini; Di Lorenzo, Rrhamani, Juan Jesus; Mazzocchi (74′ Raspadori), Cajuste (74′ Mario Rui), Lobotka, Zerbin (58′ Ostigard); Politano (70′ Lindstrom), Kvaratskhelia (70′ Gaetano); Simeone. Allenatore: Mazzarri.

INTER (3-5-2): Sommer; Pavard, De Vrij (63′ Carlos Augusto), Acerbi; Darmian, Barella (63′ Frattesi), Calhanoglu, Mhitaryan, Dimarco (81′ Sanchez); Thuram (81′ Arnautovic), Lautaro (93′ Bisseck). Allenatore: S. Inzaghi.

Ammoniti: Rrahmani, Zerbin (N), Calhanoglu, De Vrij, Barella, Lautaro (I)

Espulsi: Simeone (N)

 

Translate »
error: Content is protected !!