Le Foxes al dettaglio: l’ Europa League al retrogusto Champions

La sorpresa è in seconda fascia. Un sorteggio intrigante che pesca come principale antagonista per il cammino delle truppe partenopee il Leicester City di Rogers; squadra rinomata e ostica contro la quale serviranno due prove d’indomato spirito combattivo e personalità. Le affascinanti “Foxes” contenderanno il primato del girone con le unghie e i denti: due notti d’Europa League al retrogusto Champions, considerato il blasone e il livello delle due rose opposte.

Il team dei miracoli, la squadra rivelazione della Premier 2016, annovera tra il pacchetto storico degli “intoccabili,” icons del calibro di Schmeichel (nuovo capitano), Morgan , Vardy, Fuchs, Amartey. Inoltre, la vecchia guardia è stata rafforzata in questa sessione di mercato con quattro nuovi innesti: Jannik Vestergaard, Boubakary Soumaré, Filip Benković, Patson Daka.  Profondità di rosa e interventi mirati nei reparti  specifici da puntellare, definiscono un progetto societario solido e robusto che punta ai vertici del calcio europeo e alla consacrazione calcistica nel maggior campionato inglese.

Assetto tattico e giocatori chiave:

Brandan Rogers utilizza di base un 5-3-2 molto dinamico e flessibile che evolve a seconda delle fasi di possesso e non possesso. Il pressing alto è un must collettivo e durante il giropalla si può notare un atipico 4-1-4-1. La spinta dei tornanti a tutta fascia è un vero e proprio marchio di fabbrica in quanto aggiunge imprevedibilità in fase offensiva con sovrapposizioni e cross difficili da anticipare. In questo senso, il valore di Soyuncu e soprattutto Ricardo Pereira ha conferito grande prestigio alla catena di destra.

Il centrocampo è dominato da  Tielemans,  rising star e vecchio pallino di mezz’ Europa. Il giocatore belga ha accumulato molta esperienza, è dotato di grande tecnica ed è sempre pronto a fornire l’assist decisivo per i compagni di squadra. Altro asso nella manica  è Maddison, tuttocampista dal gol facile. Padrone incontrastato delle palle inattive, superbo tiratore  di freekicks ad effetto, assistman naturale.  Giocatore tecnico e veloce, ambidestro, può agire anche da esterno sinistro, ruolo nel quale tende ad accentrarsi lasciando libera la propria zona di competenza. Barnes  è di sicuro un altro  elemento da non trascurare. Nonostante lo si inserisca nella zona mediana del campo, la sua posizione è un ibrido tra seconda punta ed esterno (più a sinistra che a destra) che permette  l’inserimento o la verticalizzazione, dove è molto abile nel creare lo spazio per la corsa.

In attacco attenti a quei due, la coppia che scoppia: Vardy, la scheggia impazzita, autentico leader e trascinatore storico di una squadra immortale. E fiore all’occhiello, l’ex city Kelechi Iheanacho, mancino veloce ed eclettico che nelle ultime stagioni si è dimostrato la vera arma nucleare di questo top team. La sfida promette due grandi notti di calcio. The best is yet to come!

 

Translate »
error: Content is protected !!