Mister 70 milioni: la sorpresa del cambiamento

Il nuovo Napoli è un vestito perfetto d’alta moda cucito per un modello d’eccezione internazionale: l’atleta con la chioma bionda dai poteri Sayan che sta sconvolgendo gli equilibri delle migliori difese del campionato e mettendo a soqquadro interi pronostici gerarchici.  Un volto, un nome..  Victor Osimhen!

Il nuovo marchio di fabbrica viaggia sui binari di quel lancio filtrante no look  oltre le linee avversarie che termina con  la falcata sonica del nigeriano che taglia il campo in verticale creando un universo infinito di occasioni goal per l’equipe partenopea. Una sintesi concettuale riassunta in tre semplici passaggi di prima che innescano le sue qualità fisiche e atletiche esaltando  il 4-2-3-1 di matrice Spallettiana.

Un’alternativa totalmente diversa rispetto al fraseggio corto e compatto d’epoca Sarriana costellato da possesso palla e schemi atti a sgretolare le marcature preventive nemiche.  Ben diverso dal modulo odierno,  che mira allo scopo essenziale di potenziare i continui movimenti di “mister 70 milioni” in proiezione offensivo.  Un Lavezzi col fiuto del grande bomber, un connubio d’istinto e stamina da vendere, un potenziale top player, che una volta affinitate alcune qualità tecniche di base, ha pochi rivali in questo meraviglioso grande mondo chiamato calcio.

 

 

Translate »
error: Content is protected !!