Prestazione pessima nella nevicata russa, si complica la strada verso gli ottavi!

Vi era il bisogno di dare un segnale dopo la prima sconfitta stagionale, in una partita bivio per la corsa alle fasi finali dell’Europa League. Non c’è stata la reazione degli 11 azzurri scesi in campo nella nevicata russa contro lo Spartak di Mosca: la partita finisce 2-1 e il Napoli viene raggiunto dallo Spartak in classifica. Approccio sbagliato sin dagli albori della partita, rigore fischiato al 1′ con grave errore di Lobotka, e goal del vantaggio russo. Risposta immediata degli azzurri che sprecano ancora più occasioni prima con Petagna, poi Elmas e Zielinski. Al secondo tiro russo c’è il raddoppio sempre di Sobolev che non sbaglia un cross perfetto arrivato dalla fascia dove il solito Mario Rui è trasparente. La fine del primo tempo è una semplice partita giocata con -5 gradi e poche occasioni. La ripresa è a senso unico: il Napoli attacca ma continua a sprecare, con un goal annullato a Di Lorenzo per offside! Lo Spartak non tira in porta, il Napoli trova poi con un episodio il 2-1: discesa strabiliante di Mario Rui che serve Petagna sulla fascia, cross al centro e tap in vincente di testa di Elmas! La partita è riaperta ma vere e proprie occasioni non c’è ne sono per gli azzurri, solo un colpo di testa di Elmas con il solito Selikhov che è una saracinesca. Nemmeno Rrahmani entrato dalla panchina, unico cambio, modifica la musica. La partita finisce 2-1 e la corsa alle fasi finali di Europa League si complica notevolmente: al Napoli per qualificarsi servirà solamente vincere in casa tra 2 settimane contro il Leicester che domani se la vedrà contro il Legia.

 

Translate »
error: Content is protected !!