Spalletti dalla Turchia:”Un giorno potrei allenare qui”

Luciano Spalletti ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa turca direttamente dal ritiro del Napoli ad Antalya alla vigilia della prima amichevole:

Un giorno mi piacerebbe allenare in Turchia. In questo momento ci sono Montella, Pirlo e Farioli. Conosco molto bene Farioli, è un mio amico. E’ un uomo di calcio e di qualità e conosco le sue potenzialità. Poi c’è Montella che è al 3° posto in classifica ed è anche un mio ex calciatore. Ci siamo sfidati anche come allenatori e ho sempre visto quanto fosse tosto come avversario. La sua conoscenza del calcio è di primo ordine, ora, da allenatore, lo sta dimostrando a tutti”.

 

Sul calcio turco: “La gente lo guarda come se fosse di secondo livello, ma in realtà anche il calcio turco è a livello europeo. Se vengono qui allenatori importanti, non è un caso. Hanno visto il potenziale che c’è qui e stanno cercando di cogliere l’opportunità di lavorare in importanti club turchi. Il calcio qui non è lontano dall’Europa. Gli allenatori che vengono qui lavorano sodo per migliorare se stessi e il calcio turco”.

 

Su Fatih Terim: “L’imperatore ha lavorato in Italia tanti anni fa. Anche la parola ‘imperatore’ può mostrare quanto potere può dare, quanto può dominare i giocatori e aggiungere loro qualcosa. Il calcio turco non è mai di secondo livello, è equivalente a quello europeo. I calciatori possono crescere ovunque. La cosa più importante è utilizzare quei calciatori nel modo più efficiente possibile, svilupparli e presentarli al mercato. Ecco perché il calcio in Turchia è di altissima qualità. Io e Fatih Terim abbiamo un grande rapporto. Non ci vediamo da anni, ma quando ci vediamo, è come se incontrassi uno di famiglia. Ci abbracciamo, parliamo, raccontiamo storie. Io vivo fuori Firenze e anche lì ho capito e visto quello che la gente pensava di Fatih Terim. Da lì puoi vedere quanto è grande una persona”.

 

Su Kim: “Dopo la partenza di Koulibaly, abbiamo dovuto acquistare un grande calciatore. Quando ho visto Kim Min-Jae dopo che è arrivato da noi, ho capito quanta qualità avesse e che grande campione avessimo acquistato. Dopo l’addio di Koulibaly, avevamo bisogno di un giocatore molto importante e ha riempito molto bene il suo posto”.

Translate »
error: Content is protected !!