Una magia di Petagna trascina il Napoli verso tre punti pesantissimi

Dopo le polemiche di Juventus-Napoli, gli azzurri dopo aver ottenuto un punto eroico tornano in campo al Maradona contro la Sampdoria. Un Napoli in emergenza, trova però Luciano Spalletti che siede regolarmente in panchina dopo l’esito negativo all’ultimo tampone. Il tecnico di Certaldo schiera dal primo minuto Mertens e Petagna insieme, con Politano che si accomoda in panchina.

Napoli-Sampdoria, il primo tempo

Il primo tempo di Napoli-Sampdoria è stato praticamente quasi tutto giocato nella metà campo degli ospiti, salvo qualche fiammata degli uomini di D’Aversa. Gli azzurri sono padroni del campo, ma sono riusciti a sbloccare il punteggio soltanto allo scadere della prima frazione di gioco. Il primo squillo è il destro di Rrahmani dal limite ma Audero non si lascia trovare impreparato e respinge in calcio d’angolo. Anche Ghoulam su calcio di punizione tenta di mette in pericolo la porta avversaria, ma l’estremo difensore blucerchiato sventa ancora una volta il pericolo. Ci era riuscito a sbloccare il punteggio al 35′ Juan Jesus, sul cross di Politano, ma il Var ha annullato la rete per fuorigioco. Il Napoli non si arrende e passa in vantaggio con una mezza rovesciata di Petagna, che lascia immobile Audero. Cross di Elmas e contatto dubbio in area con Mertens trascinato a terra, ma il centravanti azzurro ha trasformato in rete evitando il controllo di un contatto che sarebbe dovuto essere comunque calcio di rigore in favore dei padroni di casa. Da segnalare anche l’infortunio di Insigne uscito intorno alla mezz’ora di gioco. Il capitano esce tra gli applausi dei presenti lasciando il posto a Politano. 1-0 all’intervallo con il Napoli all’attacco ma poche occasioni da gol.

 

Napoli-Sampdoria, il secondo tempo

Il secondo tempo prosegue sulla falsariga del primo, ma il Napoli non riesce a chiudere la partita e soffre fino al termine delle gara. L’occasione più ghiotta capita sui piedi di Mertens. Petagna allarga il gioco per Elmas che serve Mertens ma il belga in scivolata deposita al lato. Gli azzurri provano a trovare la rete del raddoppio, si difende la squadra di D’Aversa che prova in qualche sortita offensiva. Al 77′ occasione per Politano su cross di Petagna, l’esterno sceglie bene i tempi ma spara alto sopra la traversa. Sfiora la doppietta Petagna con una conclusione dal limite a giro, Falcone riesce a mettere in calcio d’angolo. Continua la giornata no di Mertens in fase realizzativa: falcata con palla al piede, calcia di potenza sul palo lontano ma la palla esce ancora a lato. Al momento del valzer dei cambi, il Napoli inserisce Fabian Ruiz ed il nuovo acquisto Tuanzebe, rispettivamente ai posti di Demme e Ghoulam. Axel è il secondo calciatore inglese a giocare nel Napoli in Serie A nell’era dei 3 punti, dopo Nathaniel Chalobah. Il Napoli soffre, stringe i denti e porta a casa tre punti pesantissimi in ottica Champions League.

 

 

 

Il tabellino

Napoli (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrhamani, Juan Jesus, Ghoulam (Tuanzebe dal 35′ s.t); Demme (Fabian Ruiz dal 35′ s.t), Lobotka ; Elmas, Mertens, Insigne (Politano dal 30′ p.t) ; Petagna. All: Spalletti

A disposizione: Idasiak, Marfella, Costanzo, Tuanzebe, Zanoli, Fabian Ruiz, Vergara, Cioffi, Politano.

Sampdoria (4-4-2): Audero( Falcone dal 1′ s.t); Dragusin, Ferrari, Chabot, Augello (Murru dal 29′ s.t); Ciervo (Caputo dal 27′ s.t), Ekdal (Rincon dal 1 s.t), Askildsen, Thorsby; Quagliarella, Gabbiadini. All: D’Aversa

A disposizione: Falcone, Ravaglia, Torregrossa, Caputo, Vieira, Yepes, Murru, Trimboli, Rincon.

 

ARBITRO: DI BELLO

ASSISTENTI: SCATRAGLI-MARGANI

IV: COSSO

VAR: ABISSO

AVAR: TEGONI

Recupero: 3′ p.t, 3′ s.t

Ammoniti: Chabot, Murru

Marcatori: Petagna

Translate »
error: Content is protected !!