E’arrivato il momento di lasciare Insigne in panca, si o no?

ACCUSA(PM LUIGI GIORDANO)

Con il Milan si è consumata l’ennesima prestazione scialba di questa  stagione del capitano Insigne. Una partita, l’ennesima condita da palle perse, da una di queste è poi partito il gol del Milan. Il gol di Roma è l’unico anelito di una stagione imbarazzante. Oramai non salta piu l’uomo, non fa piu un cross dal fondo, anzi non va piu nemmeno sull’esterno, con il Milan veniva in mezzo al campo e passava la palla dietro. Con il suo modo di giocare rallenta solo la manovra del Napoli, è diventato un minus per il Napoli. Ci stanno Elmas, Ounas, che hanno fame di giocare e dimostrare ma inspiegabilmente Spalletti si ostina a farlo giocare. Probabilmente è già con le gambe e testa a Toronto, perché puntare ancora su uno fuori dal progetto, davvero il mistero di Bellavista

 

 

DIFESA(AVV. ANTONIO LEMBO) 

Insigne ha sempre fatto il bello e cattivo tempo di questa squadra. Ha però sempre dato tutto. Alterna prestazioni di livello ad altre anonime. Più di tutti purtroppo soffre la pressione dell’ambiente che lo ha anche limitato in tantissime occasioni. Forse anche ieri sentiva questa responsabilità. La testa era però anche ieri tutta per il Napoli. Non si è mai risparmiato e gli errori, come lui, li ha fatti Zielinski. Ma come al solito dovrebbe sempre pagare lui. Perché non il polacco allora? Lui si che a Roma appena ha lasciato il posto ad Elmas ha permesso al Napoli di giocare meglio. E contro il Milan il polacco ha dormito nelle marcature perdendo palloni e non marcando in uscita Calabria nell’azione del gol. Insigne vuole lasciare un segno indelebile in questa sua ultima stagione. E vuole anche conquistare il Mondiale. È un limite il suo da sempre di soffrire gare come questa. Non è Toronto il suo pensiero. Insigne per il Napoli non è il mistero di Bellavista ma è da sempre Croce e Delizia.

 

Translate »
error: Content is protected !!