Fiorentina-Napoli 09-11-2014 (0-1)

Con due allenatori amanti del bel gioco come Rafa Benitez e Vincenzo Montella, Fiorentina – Napoli in programma Domenica 9 novembre si prospettava come una gara dall’ andamento spettacolare. Il match infatti, non tradì affatto le attese, vivace ed incerto fino all’ ultimo. L’ inizio della seconda ed ultima stagione di Benitez non era stata esaltante, con gli azzurri già lontani sette punti dalla Juventus di Antonio Conte ma, nel turno precedente gli azzurri avevano seccamente battuto la Roma di Rudy Garcia con un secco 2 -0, dominando la sfida dall’ inizio alla fine. Dal canto loro i toscani, veleggiavano al centro classifica cercando sempre però, come già detto, di non utilizzare tipo di tattiche sparagnine. Parte subito bene il Napoli ed al sesto, con una conclusione dal limite dell’ area finita di un niente a lato, Higuain sfiora il bersaglio grosso. Dopo due tentativi dalla distanza di Insigne, la Fiorentina replica con una gran botta di Babacar da oltre trenta metri, che scheggia la parte alta della traversa. Al 20°, dopo un contrasto con Ilicic, si infortuna Lorenzo Insigne, sostituito da Dries Mertens. Al 25°, dopo una serpentina irresistibile, ancora Higuain manca di poco il gol, tirando a lato. E’ sempre il Napoli a condurre le danze ma il gol non arriva, nonostante altre due buone chance mancate da Hamsik e Callejòn. A fine tempo, con una splendida semi-girata va a segno Higuain ma in fuorigioco. L’ inizio della ripresa vede una Fiorentina più intraprendente e, Cuadrado al 58° fa correre qualche brivido a Rafael. Appena un minuto dopo è però il Napoli a farsi di nuovo pericoloso, con uno splendido contropiede condotto da Callejòn e concluso da Hamsik, frenato da una splendida risposta del portiere Neto. Finalmente, dopo due minuti al minuto 61, glim azzurri sbloccano il risultato. Su cross di Maggio, un clamoroso liscio di Tomovic, favorisce Gonzalo Higuain che, dall’ altezza del disco del rigore, realizza quello che sarà l’ 1 -0 decisivo nonché ampiamente meritato. La reazione dei padroni di casa produce solo una palla -gol con Gomez che, di testa colpisce la traversa al 79°, mentre Higuain due minuti dopo, a causa di un falso rimbalzo, non va di nuovo a segno. Nel convulso finale la beffa, al 91°, viene evitata da Kalidou Koulibaly che, quasi sulla linea, respinge una botta di Pasqual a Rafael battuto. Risultato finale : Fiorentina 0 – Napoli 1. Con buona pace del compaesano Montellla…

 Negli ultimi undici anni, soltanto una volta la Fiorentina ha avuto la meglio ( il Napoli ha vinto ben sei volte ) ma, ahimè, proprio nel campionato in cui il Napoli è andato più vicino al titolo , nel 2017 -2018. Quel 3 -0 ( firmato oltretutto da una tripletta del ” Cholito ” Simeone ), fece tramontare i sogni di gloria della ” Sarri -band “, in una partita fortemente condizionata dall’ espulsione dopo soli dieci minuti di Koulibaly oltre a quello che successe la sera prima in Inter- Juventus. In totale il bilancio vede la Fiorentina avanti per 37 vittorie contro 20, con 18 pareggi. Lucianone Spalletti da buon toscano, ha la ” viola ” nel cuore ma, senz’ altro,  Domenica sera farà di tutto per centrare la terza vittoria consecutiva. Vai Napoli !!!

EMANUELE OROFINO

Translate »
error: Content is protected !!