Infantino sulla Superlega: “Idea inaccettabile ma occhio a parlare di sanzioni”

Gianni Infantino, presidente FIFA, in un’intervista a L’Equipe è tornato a parlare di Superlega:
“La creazione di un campionato separatista non è solo inaccettabile, ma semplicemente inimmaginabile. Dobbiamo evitare di parlare di guerra quando parliamo di calcio e quando il mondo soffre per una pandemia senza precedenti”.

Si può parlare di possibili sanzioni ai club fondatori?
“Alcune azioni devono avere delle conseguenze e tutti devono assumersi le proprie responsabilità, ma bisogna sempre stare attenti quando si parla di sanzioni. Quando si puniscono società, giocatori, allenatori o tifosi che non c’entrano niente”.

Cosa pensa di Ceferin?
“Un leader ha il dovere di chiedersi perché siamo arrivati a questo punto”.

Deve nascere un calcio nome con meno quantità e più qualità?
“Dobbiamo creare un calcio migliore e più sano. Dove dovremo essere preparati ad affrontare sfide come questa pandemia senza correre il rischio di crollare. Confidiamo nell’introduzione di tetti salariali o nei trasferimenti, ma anche un limite al numero di giocatori per squadra e un numero massimo di partite che i top club potranno disputare in un anno. Meno quantità e più qualità dovrebbe essere il nostro motto. A livello Nazionale, meno squadre e l’idea dei play off potrebbero rendere le competizioni più interessanti”.

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il terzo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

error: Content is protected !!