L’Europa tinta d’”azzurro”: un pezzo di Napoli nelle finali Uefa

Le finali europee di quest’anno parlano ‘napoletano’: ben tre gli ex azzurri che disputeranno l’ultimo atto di Champions ed Europa League della stagione 2020/21. Raul Albiol, Jorginho ed Edinson Cavani, tutti volti del recente passato del Napoli, campioni cresciuti all’ombra del Vesuvio quando erano ancora poco affermati, e che oggi sono tra i protagonisti delle grandi d’Europa. Una soddisfazione per il club di De Laurentiis, da sempre attento alle giovani promesse, ma anche il rammarico per aver perso dei top player, talvolta non rimpiazzati degnamente.
Jorginho, per esempio, mai sostituito da Ancelotti, che non voleva un ‘regista’; piuttosto Albiol, partner ideale di Koulibaly, che senza lo spagnolo non è più il fuoriclasse di un tempo. Meglio è andata per il post-Cavani: Benitez portò Higuain e con i soldi della cessione del matador il manager madrileno costruì l’ossatura del Napoli di Sarri. In ogni caso, rimane immutato l’affetto del popolo partenopeo nei confronti di tre vecchie glorie del Napoli contemporaneo: Cavani è nella top ten dei migliori goleador azzurri di tutti i tempi (104 gol in tre anni); Jorginho e Albiol, leader seri e silenziosi di un Napoli che sfiorò lo scudetto. Tre uomini, prima ancora che calciatori, che per questa maglia hanno dato tutto e che mai l’hanno tradita: fiori all’occhiello di un Napoli che non c’è più.

error: Content is protected !!