Napoli non sei più quello di una volta


Vincere con il Parma per non perdere di vista le prime posizioni della classifica. 
Questa la missione del Napoli che al ‘Maradona’ affronta il Parma nella prima giornata del girone di ritorno.

LE FORMAZIONI:

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Elmas, Demme, Zielinski; Lozano, Petagna, Insigne. Allenatore: Gattuso

PARMA (4-3-1-2): Sepe; Conti, Osorio, Pezzella, Gagliolo; Grassi, Brugman, Kurtic; Kucka, Cornelius, Gervinho. Allenatore: D’Aversa.

Arbitro: La Penna.

Assistenti: Baccini e Mastrodonato. Quarto Uomo: Serra.

Al VAR Di Paolo assistito da Del Giovane

Ammoniti: Pezzella, Gagliolo, Conti, Demme, Elmas, Brugman

Marcatori: Elmas, Politano

La Partita:

Dopo un inizio incoraggiante, il Napoli perde la verve e passato un quarto d’ora è il Parma a comandare le operazioni. A mancare, però, sono sempre le occasioni da gol. La partita giocata su due direttrici quella tecnica e della tenuta fisica, si sblocca al 32’: alla prima da titolare in campionato Elmas realizza un gran bel gol e porta in vantaggio il Napoli sul Parma.
Il centrocampista macedone dopo aver saltato un paio di avversari ha battuto Sepe dai 16 metri.
Dopo i primi venti minuti del secondo tempo c’è l’occasione da parte del Parma con Gervinho di pareggiare, tuttavia il gol dell’ex Roma viene annullato per fuorigioco.
Il secondo tempo è giocato all’insegna dei tatticismi con un Napoli che mostra il volto della “paura”: palpabile infatti è il disagio di sentire il fantasma di un’ulteriore beffa. È con Politano che il match si indirizza la dove vogliono gli azzurri: 2-0 e partita ancora da gestire con calma. 


La sintesi della gara contro il Parma è che questo Napoli non è nemmeno parente lontano dello spumeggiante e arrembante che andava in campo negli scorsi anni.
La noia, per grandi parti della gara, l’ha fatta da padrona ma in alcune occasioni – quando la fortuna e l’incapacità degli altri ci mettono lo zampino – Gattuso e i suoi dimostrano di potersi trasformare in una squadra cinica che fa il compitino e porta i tre punti a casa Grazie soprattutto ai singoli.
Tutto da vedere con la prossima gara, visto il saliscendi di emozioni e risultati a cui questo Napoli  – in evidente fase di trasformismo – ci ha regalato.

A proposito dell'autore

Laurea Triennale in Lettere Moderne conseguita presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, laureanda magistrale Filologia Moderna presso l’Università degli studi di Napoli Federico II. Mi diverte molto la fotografia, scrivere, andare ai concerti , viaggiare e ovviamente tifare Napoli.

Post correlati

Translate »