Quattro gol ed è vetta della classifica

In terra polacca si cerca fortuna, o meglio di fare fortuna. Per il Napoli di Spalletti si palesa la possibilità di salire in testa al girone di Europa League, mantenendo la testa anche del campionato di Serie A.
Per il Legia è crisi nera, zona retrocessione, ma l’Europa è cosa a parte (il Milan insegna). Alla Pepsi Arena di Varsavia va in scena Legia Varsavia-Napoli.
Ospiti che vanno in campo con il consueto 4-2-3-1, Meret tra i pali, Juan Jesus a sinistra, Demme in mediana con Anguissa, Elmas largo e Petagna unica punta. Rispondo i padroni di casa con un 3-4-3, Miszta in porta, Josuè a centrocampo ed il tridente composto da Kastrati, Emreli e Luquinhas.

PRIMO TEMPO
Pressing alto dei padroni di casa ma i partenopei riescono sempre ad uscire palla al piede in massimo tre passaggi. Al 10′ però il Legia passa avanti, Anguissa perde Mladenovic che mette in mezzo il pallone per Emreli che accomoda in porta. Al 16′ battono un colpo gli azzurri con due tiri in sequenza di Zielinski, di cui uno che prende in pieno la traversa. Al 24′ ancora un’occasione a tu per tu con il portiere, questa volta Elmas spara addosso a Miszta. Finisce al 47′ il primo tempo.

SECONDO TEMPO
Inizia col brivido la seconda frazione di gara, al 46′ Ribeiro tira una sassata di prima all’incrocio, il palo però blocca il raddoppio dei polacchi. Al 50′ pareggia i conti Piotr Zielinski dal dischetto, dopo che lui stesso si è procurato la massima punizione. Al 74′ arriva il sorpasso tutto azzurro di Dries Mertens, ancora una volta sul dischetto, questa volta Josuè calcia Politano sul fianco dopo che con una rovesciata non era riuscito a spazzare fuori. Arriva anche il tris al 79′ minuto, Petagna con molto altruismo serve Lozano a porta vuota che deve solo appoggiare alle spalle del portiere. Al 90′ il pokerissimo di Adam Ounas che si inventa un gol da CINETECA con palleggio di sinistro e tiro di destro. Finisce al 94′ la gara

IL TABELLINO DELLA GARA

Legia Varsavia (3-4-3): Miszta; Johansson, Wieteska, Jedrzejczyk; Ribeiro, Josué, Slisz (Martins), Mladenovic; Kastrati (Muci), Emreli (Lopes), Luquinhas. Allenatore: Marek Gołębiewski.

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Juan Jesus; Anguissa, Demme (Lobotka); Lozano (Ounas), Zielinski (Mertens), Elmas (Politano); Petagna (Zanoli). Allenatore: Luciano Spalletti.

Arbitro: Visser
Ammoniti: Elmas, Jedrzejczyk, Miszta, Josuè.
Espulsi:

Marcatori: Emreli (10′), Zielinski (50′), Mertens (74′), Petagna (79′), Ounas (90′)
Recupero: 2 min p.t, 4 min s.t

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 24 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente sono laureato alla triennale, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Translate »
error: Content is protected !!