Suicidio di massa: si salvano solo i centrali difensivi

La partita della vita: al Maradona gli azzurri incontrano l’Hellas Verona per tentare di accedere alla prossima Champions League. Gattuso si affida al consueto 4-2-3-1 con Lozano e Bakayoko preferiti a Politano e Demme. Juric propone il solito ostico 3-4-2-1 con Bessa e Zaccagni a supporto di Kalinic. Primo tempo letteralmente orrendo da parte degli azzurri, che sono impauriti e non riescono a far girare palla, perdendo tra l’altro numerosi possessi nella metà campo. Osimhen, perennemente cercato con lanci lunghi viene arginato da un ottimo Gunter e il Napoli non trova alcuna linea di passaggio, rischiando anche di subire gol nel finale con un colpo di tacco di un ostico Kalinic, murato da Rrahmani. Nella ripresa non cambia il copione: il Napoli non gioca mai, segna casualmente ma si fa beffare da Faraoni, complice un errore clamoroso di Hysaj. È un fallimento: gli azzurri sono fuori dalla Champions.

LE PAGELLE

Meret: 6,5- Incolpevole sul gol, ottimo nelle uscite basse.

Di Lorenzo: 5- Sempre in difficoltà fin dal primo istante. Perde palloni a raffica anche senza marcatura.

Manolas: 6,5- Mette sempre una pezza dinanzi alle voragini provocate da un centrocampo inesistente.

Rrahmani: 7- Il migliore in campo. Salva più volte i propri compagni, poi sigla il gol del vantaggio che tuttavia a nulla vale.

Hysaj: 3- Prima contro il Cagliari, adesso contro il Verona. Da Nandez a Faraoni il passo è breve. È una condanna. (Dal 25’s.t.Mario Rui: s.v.)

Bakayoko: 4- Una sciagura, lentissimo a centrocampo, si fa superare perennemente in velocità ed è nullo in fase di possesso. (Dal 36’s.t.Petagna: s.v.)

Fabiàn Ruiz: 4- Un fantasma sulla mediana. Contratto, impreciso e senza personalità.

Lozano: 5- Generoso ma spesso indisciplinato e impreciso. Si fa ammonire ingenuamente e perde anche diversi possessi. (Dal 22’s.t.Poltano: 6- L’unico subentrato che realmente fa la differenza.)

Zielinski: 5- Trotterella in mezzo al campo senza mai trovare il varco giusto. Non incide quando contava per davvero. (Dal 25’s.t.Mertens: s.v.)

Insigne: 4- Tra i peggiori in assoluto: privo di energie e di idee. Il Napoli senza di lui non gira.

Osimhen: 4- Viene costantemente bloccato da Gunter, non trovando alcuno spazio.

Gattuso: 2- È un fallimento totale: la peggiore prestazione in assoluto nella notte più importante.

error: Content is protected !!