Alla scoperta di Pafundi

Nel corso della recente intervista rilasciata alla nostra redazione, nello specifico ai nostri Francesco Reale e Federico Simeone, mister Luigi Cuomo, allenatore delle giovanili dell’Udinese Accademy, in occasione di una domanda inerente ai giovani ha fatto il nome di un futuro fenomeno made in Italy; il suo nome? Simone Pafundi.
Il baby classe 2006 in primavera ha incantato e continua a farlo. Nel campionato Primavera 2 il ragazzo nato a Napoli, ha collezionato abbastanza presenze (complice anche un infortunio) ha collezionato ben 5 reti. Carnevale, il dirigente dei friuliani ha elogiato ripetutamente l’intelligenza di gioco. Sa sempre cosa fare prima ancora che gli arrivi la palla. Le sue prestazioni e il suo talento non sono passati inosservate tanto che il giovane trequartista era finito nel mirino del Chelsea. Nel giro di poco tempo è arrivato ad allenarsi prima agli ordini di mister Gotti e poi del neo allenatore Cioffi, dimostrando caparbietà e forza di volontà, oltre che a spiccate doti fisiche e tecniche. È già nell’orbita della nazionale azzurra under 17 sebbene l’età sia per gli under 16 con la firma del contratto è entrato nella storia del calcio italiano. Il giovane trequartista è, infatti diventato il primo giocatore nato nel 2006 a firmare un contratto da professionista.
A chi si ispira? Sembra quasi scontato ma lui stesso ha ammesso di rifarsi molto al suo idolo Lionel Messi. Ovviamente la squadra bianconera non ha perso tempo ed ha blindato a doppia mandata uno dei suoi prospetti migliori, mostrando grande fiducia nelle sue capacità, forse chissà, preparandolo ad un ritorno in patria proprio nella sua Napoli.

Translate »
error: Content is protected !!