De Laurentiis ordina e Spalletti fa’: conquista Champions e terzo posto

Maradona full per l’addio di Insigne, emozioni prima e dopo la gara. Un pubblico che ha sostenuto la squadra dall’inizio alla fine. Spalletti conquista la terza posizione in campionato, obiettivo centrato.

 

Una domenica di Maggio al Maradona inizia con un Genoa che sembrava voleva fare la partita, prendendo il pallino da gioco, vicino al gol in molte occasioni con Portanova e Yeboah, che colpisce il palo. Gli azzurri giocano e creano, Osimhen la sblocca su assist di Di Lorenzo. Bolgia al Maradona alla rete del nigeriano. Con Mertens in campo è tutt’altra storia, a pennello con Insigne e Osimhen. Napoli che rientra in campo con la voglia di fare bene, giocate mai banali e partita perfetta, Blessin dopo il 2-0 firmato Insigne prova a cambiare qualcosa, ma senza risultato. Girandola di cambi anche per il Napoli, Spalletti concede la standing ovation a Insigne e fa giocare gli ultimi minuti con la maglia azzurra di Ghoulam. Al minuto 81′ gran gol di Lobotka che chiude i giochi in tutti i sensi.

 

NAPOLI – Ospina, Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui(73′ Ghoulam), Anguissa(83′ Demme), Fabian(73′ Lobotka), Lozano, Mertens(73′ Zielinski), Insigne(88′ Elmas), Osimhen.

GENOA – Sirigu; Hefti(56′ Hernani), Ostigard, Bani, Criscito; Galdames(75′ Melegoni), Badelj(24′ Frendrup); Gudmundsson(75′ Destro), Amiri, Portanova(56′ Ekuban); Yeboah.

Reti: Osimhen, Insigne, Lobotka.

Translate »
error: Content is protected !!