Pomeriggio di celebrazioni: brilla Mertens, impeccabile Di Lorenzo

Penultimo giro: il Napoli in campo per blindare il terzo posto, il Genoa per agguantare una clamorosa salvezza. Spalletti ripropone il 4-2-3-1 con Mertens da trequartista, a supporto di Osimhen. Blessin propone uno schieramento speculare con Gudmundsson, Amiri e Portanova a supporto di Yeboah. La formazione ligure comincia effettuando un pressing alto sui portatori di palla avversari, con Gudmundsson e Amiri in particolare che cercano di trovare varchi tra i difensori partenopei. Dopo la traversa di Yeboah il Napoli comincia ad alzare i ritmi, anche in virtù di alcune giocate sublimi del solito Dries Mertens, le cui combinazioni con Insigne sono del tutto strabilianti. La rete dei padroni di casa arriva grazie ad un cross perfetto dell’impeccabile Di Lorenzo per la testa di Osimhen, il quale si inserisce con i tempi giusti e sblocca il punteggio. Da segnalare una chiusura provvidenziale di Rrahmani su Portanova, che era lanciato verso la porta. La ripresa comincia senza particolari sussulti da parte del Grifone, mentre il Napoli gestisce in modo ordinario la rete di vantaggio e trova il raddoppio su rigore con Insigne (al secondo tentativo) e il tris con una splendida giocata di Lobotka. Pomeriggio di festa e celebrazioni.

LE PAGELLE

Ospina: 6,5- Sempre sicuro tra i pali. Non deve compiere un lavoro arduo, ma si fa trovare pronto e chiude bene su Portanova che era stato lanciato verso la porta e manda in corner un tiro insidioso di Amiri.

Di Lorenzo: 7- Cross perfetto per la testa di Osimhen in occasione del vantaggio del Napoli. Avrebbe anche il merito di ribadire in porta il rigore fallito da Insigne, ma il penalty viene fatto ripetere.

Rrahmani: 6,5- Chiusura provvidenziale su Portanova, appena un minuto prima del vantaggio di Osimhen.

Koulibaly: 6- Commette un errore nell’impostazione dopo pochi minuti, ma poi riesce a rimediare e non subisce grossi problemi.

Mario Rui: 6- Diligente e preciso sulla corsia di sinistra. Prestazione senza patemi. (Dal 28’s.t.Ghoulam: s.v.)

Anguissa: 6- Solito contributo importante con e senza palla. Si riparte da lui in mezzo al campo. (Dal 38’s.t. Demme: s.v.)

Fabiàn Ruiz: 6,5- Sempre ordinato in fase di impostazione, facendo girare bene palla e rischiando pochissimo in fase di non possesso. (Dal 28’s.t.Lobotka: 7- Un autentico cioccolatino nella porta di Sirigu, a coronamento di una stagione straordinaria.)

Lozano: 6- Accompagna efficacemente la manovra, fornendo anche un supporto sufficiente in fase di non possesso.

Mertens: 7- Primo tempo da stropicciarsi gli occhi. Almeno tre giocate sublimi che fanno partire azioni offensive degne di nota. (Dal 28’s.t.Zielinski: s.v.)

Insigne: 6,5- Si mette in evidenza nella prima frazione di gioco per un paio di combinazioni eccellenti con Mertens. Al secondo tentativo segna dal dischetto e si guadagna l’ovazione del pubblico. (Dal 42’s.t. Elmas: s.v.)

Osimhen: 7- Stacco perfetto per il vantaggio del Napoli. Costantemente nel vivo della manovra e spina costante per la retroguardia di Blessin.

Spalletti: 6,5- Il Napoli si ritrova dopo la disfatta di Empoli, con dieci reti in tre partite e con Mertens in forma smagliante nel ruolo di trequartista.

Translate »
error: Content is protected !!