Monza, Stroppa: “Indisponibili Carlos e Mota. Domani voglio vedere miglioramenti. Spalletti? Un mostro sacro.”

Ecco le dichiarazioni di Giovanni Stroppa nella conferenza stampa pre Napoli-Monza:

“La squadra sta bene, ha una settimana di lavoro in più. Carlos non recupera: ha preso una botta importante, dovremmo averlo a disposizione per l’Udinese. E’ indisponibile anche Mota per una mezza contrattura. Invece Pessina è a disposizione e viene in panchina, ha nelle gambe qualche allenamento in più. Sensi è in via di miglioramento, mette così nelle gambe maggiori possibilità di giocare. Se abbiamo preparato qualche cosa di particolare in settimana? Ci sono due percorsi: l’obbligo di preparare la partita e l’obbligo di rendere questa una squadra con un’idea comune. Il mercato ci da modo di aggiungere giocatori e cerchiamo di inserirla al meglio” .

Su Petagna, atteso a 90′ da ex: “Spero possa fare bene, è una partita speciale per lui. Ha bisogno di lavorare, peccato possa mettere minutaggio solo giocando: dovrebbe rifare con due allenamenti al giorno una preparazione”.

Sugli obiettivi del Monza: “Siamo allineati sul nostro obiettivo, cioè la salvezza. In corso d’opera vedremo se porcene altri. Faccio un’altra considerazione: avere la squadra al completo negli ultimi giorni è un aspetto da considerare, ci vorrà molto lavoro da parte mia perché ne emerga l’identità. Nei primi 45′ dell’esordio, specie in una determinata fase, la squadra mi è piaciuta, e così la reazione nel finale: occorre rimettere in spolvero i giocatori in ritardo di condizione. Pessina ha saltato per esempio 40 – 50 giorni di lavoro e questo condiziona il lavoro. Ho l’idea di far giocare assieme lui e Sensi: dipenderà dalla loro condizione e dagli allenamenti, li abbiamo presi per giocare e quando staranno bene giocheranno insieme”.

Su Birindelli: “E’ apparso frenato contro il Toro? Io non freno nessuno, anzi sprono tutti ad avere coraggio e a mostrare le loro qualità. Lui ha un gran motore e può fare la differenza: lo sprono a dare il meglio, per il bene suo e della squadra”.

Sulla partita di domani e sul collega Spalletti: “Da Napoli uscirò soddisfatto se avrò visto miglioramenti rispetto alla partita contro il Torino: sarà bello confrontarsi con loro, sono una delle squadre più forti della Serie A. Le pressioni ci sono sempre, le danno l’avversario e questa categoria: pressioni fisiche, tecniche e legate alla condizione. Noi faremo il nostro campionato, mi auguro da protagonisti, perché abbiamo molte qualità, dopo aver messo in sesto condizione fisica e identità. Spalletti è un mostro sacro, un punto di riferimento per molti allenatori. La nostra scuola è a mio parere estremamente competitiva”.

 

Translate »
error: Content is protected !!