Napoli sulle gambe e poco organizzato: al Maradona passa il Villarreal

Nella terza amichevole della pausa invernale il Napoli affronta il Villarreal allo stadio Diego Armando Maradona. Azzurri in campo con il 4-2-3-1 con Elmas, Raspadori e Kvaratskhelia alle spalle di Osimhen. Gli spagnoli degli ex Reina e Albiol rispondono con un 4-4-2 con il tandem offensivo composto da Jackson e Yeremi Pino.

PRIMO TEMPO

Ci prova subito Raspadori con il mancino, ma la palla esce di poco al lato. Al dodicesimo Yeremi Pino va via sulla sinistra e mette un traversone teso al centro deviato dalla difesa avversaria; sulla respinta segna Capoue. Un minuto dopo gli ospiti perdono clamorosamente palla nella propria metà e ne approfitta Osimhen che va fino in fondo e trafigge Reina con freddezza. Al venticinquesimo Yeremi Pino ci prova dal limite dell’area ma la sua conclusione viene respinta dagli azzurri. Quattro minuti più tardi bella combinazione nello stretto da parte del Napoli: Mario Rui imbecca Kvara, il quale però inciampa sulla sfera. Al trentacinquesimo Kvaratskhelia serve in profondità Osimhen, che non riesce ad agganciare. Nel finale Capoue calcia al volo trovando la pronta risposta di Meret in corner. Si va così all’intervallo sul punteggio di 1-1.

SECONDO TEMPO

Ci prova Alex Baena al secondo minuto: il suo tentativo termina sul fondo. Successivamente Collado serve a rimorchio Yeremi Pino che tira addosso a Meret. Capoue conclude da fuori senza inquadrare lo specchio. Girandola di cambi tra le fila degli azzurri, che non riescono a far girare efficacemente la palla e spesso subiscono il palleggio del sottomarino giallo. Al ventiduesimo Jackson viene lasciato troppo solo e dalla destra scarica un missile direttamente nella porta di Meret. Tre minuti dopo il Napoli perde malamente la sfera e il Villarreal colpisce in contropiede con Gerard Moreno, ben servito da Yeremi Pino. A dodici dal termine Zerbin si procura un penalty con un buon guizzo sulla sinistra: dal dischetto segna Kvaratskhelia. Nel finale gli ospiti colpiscono anche un palo con Danjuma. Al Maradona il Villarreal vince 2-3.

IL TABELLINO DELLA GARA

Napoli (4-2-3-1)- Meret; Di Lorenzo (dal 18’s.t.Zanoli), Ostigard, Juan Jesus, Mario Rui; Ndombele (dal 1’s.t.Gaetano), Lobotka (dal 15’s.t.Demme); Elmas (dal 1’s.t.Zerbin), Raspadori, Kvaratskhelia; Osimhen (dal 15’s.t.Simeone). All.Spalletti

A disposizione: Marfella, Idasiak, Spavone, Russo.

Villarreal (4-4-2)- Reina; Kiko, Albiol, Pau Torres, Mojica; Yeremi Pino, Capoue, Morlanes, Alex Baena; Jackson, Collado. All.Setien

A disposizione: Ilaria, Cuenca, Gerard Moreno, Danjuma, Parejo, Chukwueze, Trigueros, Coquelin, Mandi, Marcos, Carlos.

Arbitro: Dionisi

Recupero: 0 p.t., 4 s.t.

Marcatori: 12’p.t.Capoue, 13’p.t.Osimhen, 22’s.t.Jackson, 25’s.t.Gerard Moreno, 34’s.t.Kvaratskhelia

 

LE PAGELLE

Meret: 6- Una buona parata su un tiro insidioso di Capoue. Incolpevole sui tre gol subiti.

Di Lorenzo: 5,5- Non si fa notare più di tanto in fase offensiva, è autore di alcune buone chiusure ma anche la sua prova è piuttosto opaca. (Dal 29’s.t.Zedadka: s.v.)

Ostigard: 5,5- Il tandem offensivo del Villarreal penetra troppo facilmente in area e non riesce a metterci una pezza.

Juan Jesus: 5,5- Si fa sorprendere in più di una circostanza da Yeremi Pino. Prova non ineccepibile. (Dal 15’s.t.Zanoli: 5,5- Entra in una fase di confusione collettiva da parte del Napoli.)

Mario Rui: 6- In difficoltà dinanzi alla tecnica e alla velocità di Pino, ma non demerita più di tanto effettuando anche delle buone diagonali. (Dal 40’s.t.Marchisano: s.v.)

Ndombele: 6- Inizia bene il match con una serie di recuperi importanti e dinamismo nella manovra. Si spegne gradualmente alla distanza. (Dal 1’s.t.Gaetano: 6- Ordinaria amministrazione.)

Lobotka: 5,5 – Non brillantissimo, da rivedere in fase di interdizione. Il modulo non sembra essere congeniale alle sue caratteristiche. (Dal 15’s.t.Demme: 5- Erroraccio clamoroso che dà il via al terzo gol del Villarreal.)

Elmas: 5,5- Da segnalare qualche buon recupero in fase difensiva, ma davanti non fornisce un gran contributo. (Dal 1’s.t.Zerbin: 6- Abile a procurarsi il penalty nella ripresa.)

Raspadori: 5,5- Nel ruolo di trequartista stavolta appare più spaesato, sbagliando anche dei passaggi agevoli nel secondo tempo. (Dal 29’s.t.Barba: s.v.)

Kvaratskhelia: 5,5- Fuori fase. Per larghi tratti appare totalmente irriconoscibile per quelli che sono i suoi standard. Meglio nel secondo tempo, al di là del rigore realizzato.

Osimhen: 6,5- Rete da calciatore rapace e famelico. Freddo davanti alla porta di Reina. (Dal 15’s.t.Simeone: 6- Si sacrifica lì davanti ma non è servito a dovere.)

Spalletti: 5,5- Occasione giusta per tentare qualcosa di nuovo. Il nuovo assetto però non fornisce indicazioni molto convincenti.

Translate »
error: Content is protected !!