REJA: “UN PO’ AMAREGGIATO PER IL GOL PRESO”; MARINO: “IMPORTANTE GUARDARE IL DISTACCO TRA NOI E LA SETTIMA”; DE LAURENTIIS: “E’ LA DOPPIA VITTORIA DI NAPOLI”

REJA: “UN PO’ AMAREGGIATO PER IL GOL PRESO”; MARINO: “IMPORTANTE GUARDARE IL DISTACCO TRA NOI E LA SETTIMA”; DE LAURENTIIS: “E’ LA DOPPIA VITTORIA DI NAPOLI” src=

Bella la vittoria del Napoli, 3 a 1 per la seconda volta consecutiva, chi lo avrebbe mai detto. Forse l’unico è stato Pierpaolo Marino, il primo a concedersi agl’addetti ai lavori in sala stampa: “C’è grande soddisfazione, è stata una vittoria fatta di sofferenza e quindi più bella, quando ho visto Cannavaro dolorante ho pensato che questa partita potevamo perderla, ma fortunatamente non è andata così. “Santoni” in paradiso? Ci vuole coraggio nel fare questa domanda, perché dovremmo rivedere quanti “Santoni” ci hanno tolto i tre punti come con l’Arezzo, e poi…quanti “Santoni” ha avuto la Juventus?!” Forse una provocazione, ma non ha tutti i torti la “mente del mercato” mentre immaginiamo un sorrisino di San Gennaro, Marino continua: “Bogliacino e Garics? Quei soliti Sapientoni hanno criticato questo ragazzo, ma noi abbiamo avuto grande fiducia e abbiamo fatto bene, è un giocatore universale e quindi è anche inutile parlarne; per quanto riguarda Garics io dissi che ci voleva tempo, ma alla fine penso a quando nei prossimi anni avremo due esterni dell’84. Per me la Juventus è già matematicamente prima, quindi c’interessa restare secondi e soprattutto guardare il distacco con la settima in classifica. Va fatto un grande applauso al Presidente per i miracoli che ha fatto nel tentativo di riaprire il San Paolo, non so quando potrà essere riaperto a tutti, ma De Laurentiis è uno che martella e quindi ci si può attendere di tutto. Io sono stato sempre convinto che questa squadra avrebbe cominciato a segnare con una certa regolarità, nessuno ha il parco attaccanti come li abbiamo noi; adesso ci aspetta un ciclo di ferro con una partita ogni quattro giorni, ma abbiamo una rosa validissima, oggi era in tribuna Rullo che tornerà certamente utile, poi non possiamo sottovalutare la gara di Dalla Bona, De Zerbi e soprattutto Savini, oggi è stato straordinario e quella azione sul finire di gara merita un plauso”.

Non c’è che dire, il d.g. non ha torto; e non si nasconde come lui sia stato uno dei pochi a credere ciecamente a questo gruppo fin da Settembre.

Giù il capello, arriva il Presidente Aurelio De Laurentiis. Faccia soddisfatta, felice e stanca; con lui si parla della questione stadio, ma anche di statistica: “Oggi è stata una doppia vittoria; ha vinto la squadra e ha vinto la città, non si è sentito un petardo ma solo cori d’incitamento e questo è l’ennesimo segno che questa città merita tanto. Sono arrivato fuori lo stadio intorno alle undici e mezza e qualcuno era già qui da qualche minuto, si è stabilito fin da subito un gran feeling tra il sottoscritto e la tifoseria e viceversa. Secondo il programma, lo stadio dovrebbe aprirsi entro fine di Luglio, ma sto cercando di fare il possibile per metà Aprile, vedremo cosa succederà. Sinceramente, io mi sono mosso per i tifosi e per questo stadio, è chiaro l’obiettivo non è la serie A, ma giocare in Uefa e Champions e quindi non possiamo fare sacrifici adesso per trovarci alle strette in futuro, quindi c’è da valutare; sono state dette cifre che si possono confermare, bisognerà valutare bene. Un mio intervento per ristrutturare il San Paolo? Non sono il proprietario ma sono pronto! Il Napoli? Ricordate che Bucchi e Calaiò hanno segnato più di Del Piero e Trezeguet…”.

A ruota arriva il tecnico Edy Reja, soddisfatto per la vittoria e amareggiato per il gol preso e non potrebbe essere altrimenti visto che lui, almeno fino a qualche settimana fa, non piace proprio prenderne di gol: “Non era facile battere questa squadra, anche la Juventus ha trovato difficoltà; nel primo tempo ci hanno creato qualche difficoltà, poi sono calati e noi abbiamo preso in mano il gioco riuscendo a creare molto. Bogliacino è un ragazzo che ha di questi colpi, è estroso e può essere un’arma importantissima per noi; guarderemo la gara di domani ma con poco interesse perché io spero che la Juventus vinca e scappi il prima possibile per abbassare la bagarre che si sta creando, poi noi faremo il massimo per restare lì in alto il più possibile. Sono amareggiato per il gol preso, abbiamo avuto un calo di tensione e questo non deve accadere perché ci può costare caro, poi abbiamo giocato gli ultimi minuti in dieci perché Cannavaro aveva un problema e quindi, non riusciva più a giocare, a quel punto ho abbassato Garics e Cannavaro si è spostato avanti; Rullo dovrà ambientarsi, non è facile arrivare a Napoli ed entrare subito in partita, anche Garics doveva ambientarsi e sta crescendo bene”. Insomma, tutti felici; tutto bene è quel che finisce bene…

Translate »
error: Content is protected !!