Spalletti e i suoi bomber

 

 

Luciano Spalletti ha appena iniziato la sua avventura sulla panchina del Napoli, ma è bene ripercorrere la carriera di questo allenatore esperto e navigato soprattutto in relazione ai suoi attaccanti. Infatti Spalletti ha sempre ottenuto tantissimo dalle sue punte anche quando questi ultimi non avevano nomi blasonati. Basta ricordare che agli inizi della sua carriera da allenatore all’Udinese Spalletti si fece bastare Dino Fava Passaro, quattordici gol, e poi quella successiva si «accontentò» (e si fa per dire) di David Di Michele con 21 gol stagionali. L’esperienza alla Roma è ancora di più esaltante per gli attaccanti allenati dal neo tecnico azzurro, Totti, da prima punta segna 32 reti, ma, dato ancora più interessante Amantino Mancini, che gira intorno al pupone ne fa diciotto, quindi non solo la prima punta, ma tutti gli attaccanti segnano e sono incisivi. Tralasciando l’esperienza in Russia, Spalletti quando torna a Roma, fa sì che Dzeko realizzi 39 gol stagionali, Salah ne fa 19, mentre un centrocampista come Nainggolan segna ben 14 reti. Dopo per Spalletti c’è l’Inter, qui trova Mauro Icardi che in due stagioni riesce a mettere a segno ben 46 gol. Insomma tutti questi numeri ci fanno capire quanto Spalletti sia una vera e propria manna per i suoi attaccanti, nel Napoli troverà Victor Osimhen, che ha passato la sua prima stagione azzurra in modo molto travagliato tra infortuni ed il covid, il tecnico toscano ne ha già elogiato le caratteristiche nella sua prima conferenza stampa: “Victor è uno che attacca la profondità, ora va di moda venirti a prendere in pressing sul portiere e con i difensori sulla linea laterale. Lui dentro gli spazi è uno che ha grandissime caratteristiche, è un calciatore che sa fare gol e si danna per la squadra. È uno di quelli a cui interessa coprire gli spazi per non lasciare nulla agli altri”. Spalletti darà sicuramente tanto alla crescita del giovane nigeriano, potendo sfruttare già un’ottima base di partenza e soprattutto con il modo di mettere in campo la squadra Osimhen troverà più facilmente la via della rete e diventerà il bomber di cui il Napoli e Spalletti hanno tanto bisogno.

 

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Translate »
error: Content is protected !!