Tatticamente – La non lettura (della gara) di Gattuso

È stata partita vera Napoli-Cagliari, combattuta, agonisticamente ricca di contenuti. È stata anche la partita di Osimhen, almeno fino a un certo punto, sino all’infortunio: lui l’unico giocatore del Napoli a tirare in porta seriamente, con pericolosità. Al di là del gol, infatti, il nigeriano è apparso in forma, voglioso come al solito nel lottare su ogni pallone: ha sfiorato più volte la personale doppietta e dunque la rete che avrebbe chiuso i giochi, evitando la beffa finale di Nandez. Uscito Osimhen, è uscito anche il Napoli, s’è letteralmente spento, rintanato negli ultimi sedici metri, subendo gli assalti di una formazione che per quanto abbia delle buone individualità è comunque in lotta per non retrocedere. Gattuso ha il demerito di non aver saputo indovinare un piano tattico alternativo al tipo di calcio che stava ben riuscendo con l’ex Lille in campo: eppure ha una rosa finalmente al completo e ricca di risorse, anche dalla panchina. Ancora una volta entra Mertens, ma è svogliato il belga nell’atteggiamento: forse sarebbe stato più utile un ariete come Petagna, abile a tenere la squadra un po’ più alta e gli avversari meno vicini alla porta di Meret. Così non è stato e la decisione di preferire Mertens a Petagna, sebbene tra i due il secondo sia più prima punta dell’altro, dimostra che non è poi così vero che il tecnico calabrese non guarda in faccia a nessuno: anche lui si lascia influenzare dai nomi e non riesce a tenere fuori una bandiera di questo Napoli, il miglior goleador della storia, ma che in questo momento non è particolarmente funzionale alla causa, specie se chiamato a tenere palla e far respirare i compagni. Dopo Lazio e Torino, il Napoli non è riuscito a ripetere certi picchi prestazionali che ci avevano fatto credere che oramai la squadra di Gattuso fosse in grado di arrivare serenamente al traguardo Champions. A guardare le statistiche del match, gli ospiti non hanno assolutamente rubato nulla al Maradona: gli uomini di Semplici hanno tirato persino una volta in più verso lo specchio (7 conclusioni a 6), ma in generale hanno saputo tenere sempre sotto controllo una gara che avrebbero meritato di pareggiare già nel primo tempo, colpendo prima un palo e poi centrando in pieno Meret, in entrambi i casi entrando direttamente dentro l’area del portiere. Molle la prova del Napoli, lenti a centrocampo e leziosi in attacco, come a Torino col Toro una settimana fa: col Cagliari, però, nonostante abbiano trovato di fronte un avversario con le medesime ambizioni di classifica, hanno fallito il colpo del ko. La botta alla testa di Osimhen ha rappresentato una mazzata emotiva per il Napoli, che ha rinunciato ad attaccare e badato solamente a portare a caso una vittoria di misura, sofferta. Da questa analisi c’è una buona ed una cattiva notizia: la buona riguarda il fatto che la squadra sta finalmente abituandosi a giocare per Osimhen a tal punto che quando il nigeriano non è in campo ne risentono tutti ed il Napoli smette di giocare; la cattiva è relativa ad un piano-gara che rischia di essere improvvisamente Osimhen-dipendente. E quando qualsiasi squadra di calcio dipende esclusivamente da un solo giocatore, passando dal dominare le partite (con quell’uomo in campo) a soffrire maledettamente quando quel singolo non c’è più, c’è da essere contenti soltanto a metà: da un lato il Napoli si sta ritrovando tra le mani un giocatore già decisivo a quell’età e dopo metà stagione saltata per vicissitudini varie, dall’altro deve rendersi conto che dalla prossima sessione di mercato servirà individuare subito un vice-Osimhen, un altro numero nove esattamente con quelle caratteristiche, in modo da non costringere la squadra a dover reinventare – a seconda di chi sia il centravanti – il proprio modo di giocare. È troppo importante quel ruolo nel calcio: sposta punti, fa vincere i campionati, orienta le partite, condiziona il modo di stare in campo dei compagni: Osimhen è l’unico attaccante del Napoli, insieme a Lozano (che non è ancora in condizione), in grado di allungare la squadra, di mettere paura agli avversari per il semplice fatto che è presente, è il primo a fare pressing e a lottare su ogni pallone, anche su quelli che sembrano persi o sui quali non tutti avrebbero la forza di andare con tale determinazione.

Un Napoli stanco non stringe i denti per difendere l’ultimo assalto sardo e si fa infilare da una comoda ‘sciabolata’ da centrocampo: Duncan scopre la palla e scodella indisturbato, mentre la difesa napoletana arretra sempre più, perdendosi completamente la marcatura del terzo uomo che sbuca alle spalle di Hysaj. Dormita generale della retroguardia azzurra che perde la concentrazione e la giusta attenzione o per mettere in fuorigioco Nandez o almeno per respingere in calcio d’angolo una palla morbida gettata in mezzo. Probabilmente i difensori del Napoli erano tutti troppo concentrati su Pavoletti, Simeone e Cerri e hanno sottovalutato un possibile inserimento di un centrocampista: gli azzurri abboccanno, dunque, alla mossa di Semplici, che si affida alle torri per creare scompiglio in area e liberare uno dei suoi giocatori migliori, Nandez, che già nel primo tempo aveva dato filo da torcere.

 

Il gol del Cagliari non nasce in maniera del tutto casuale: di avvisaglie ce ne erano state nel corso di tutto il match, sia nel primo tempo, quando i giocatori di Semplici erano stati anche più pericolosi, che nella ripresa, tenuti in partita dal mancato raddoppio azzurro. L’infortunio di Osimhen, poi, ha fatto il resto, impaurendo il Napoli che non è più riuscito a rimettere su la testa: troppo passivo l’atteggiamento dei padroni di casa nell’ultimo quarto d’ora; così facendo hanno dato oggettivamente coraggio ad una squadra venuta al Maradona con un obiettivo ben chiaro nella mente, portare via almeno un punto (prezioso) che gli avrebbe dato maggiori chances di salvezza e la possibilità di affrontare il Benevento con due risultati su tre. Fuori Osimhen, guardate come è schiarato (male) il Napoli in fase di non possesso: pensate che il giocatore più avanzato è in teoria un centrocampista, Zielinski, che ovviamente non può andare a pressare nessuno dei tre centrali di Semplici, che comodamente possono far girare palla ricominciando con calma un’altra azione. Ma c’è di più: osservate in basso a destra la corsa all’indietro di Insigne, che anziché andare ad aggredire in alto rincula per dare manforte al centrocampo, gravemente in affanno con Demme già ammonito e Fabian che passeggiava.

 

Già nel primo tempo ci era sembrato di vedere una squadra, il Cagliari, che avesse più birra dell’altra: nonostante lo svantaggio dopo pochi minuti, la squadra di Semplici ha sempre creduto nel tipo di partita che aveva preparato. Nonostante un sistema di gioco difensivo, il Cagliari è venuto al Maradona non attendista, completamente remissivo, ma ha provato a rendere complicata l’interpretazione della gara al Napoli, costretto o a lanciare lungo sempre su Osimhen o, come in questo caso, a provare un complesso giro palla da dietro, che ancora non risulta ben assorbito. Il Cagliari porta quattro giocatori in zona trequarti-campo offensiva per impedire al Napoli di uscire con qualità nel palleggio dal basso, scoprendo così uno dei punti deboli degli azzurri, mettendo a nudo uno dei limiti più acuti ed atavici mostrati in questa stagione: quando incontra un avversario ben organizzato nella pressione alta, il Napoli di Gattuso va in sofferenza ed abbassa notevolmente la qualità delle proprie giocate.

 

Quando la squadra va in difficoltà nel costruire col solito giro palla, l’unica arma che rimane è scavalcare il centrocampo sperando che il povero Osimhen vinca tutti i duelli con i difensori avversari, li superi in velocità, batta il portiere, fin quando gli arbitri non s’inventano un fallo che non c’è vanificando una strategia che, nonostante tutto, aveva portato al gol che avrebbe dato tre punti importanti agli azzurri. Osimhen contro tutti, potremmo anche denominarla così una possibile didascalia a questo fermo-immagine: eravamo appena ad inizio ripresa e nella testa di Gattuso c’era già l’idea di dover difendere il risultato anziché provare a raddoppiare. Non proprio un’idea geniale, anzi tutt’altro che da grande squadra che prova a dominare le partite. Un preoccupante passo indietro rispetto alla mentalità che aveva caratterizzato il Napoli nelle precedenti giornate, con la goleada alla Lazio e quella mancata al Torino.

 

A proposito dell'autore

Studente in Comunicazione Digitale, appassionato di calcio, tecnologia e buone letture. Vanta già esperienza giornalistica con 100 *100 Napoli

Post correlati

Translate »