Bentornato Faouzi

Contro tutti i pronostici di giornata, secondo i quali sarebbe stata una passeggiata di salute per i padroni di casa, il Napoli conquista un pareggio che addirittura sa di beffa, allo Juventus Stadium di Torino, contro i bianconeri.
Il punteggio è stato di 1-1, in gol Dries Mertens e Chiesa.
Per la classifica non cambia molto, eccetto chiaramente la distanza sul quinto posto, ma i punti dalla vecchia Signora salgono a sei, grazie agli scontri diretti, entrambi a favore dei partenopei.
Partendo dai pronostici sopra citati, gli uomini di Spalletti hanno dovuto fare i conti con le positività, Coppa d’Africa ed infortuni, che hanno letteralmente decimato la rosa.
Uno dei superstiti che era finito nel dimenticatoio, visto lo scarso minutaggio, è stato Faouzi Ghoulam, ed è proprio lui il personaggio della settimana.
Questi sono gli aggettivi che possiamo attribuirgli:

Famelico: combatte su ogni pallone, aggredisce gli avversari e cerca la vittoria fino all’ultimo secondo di gioco.

Guardingo: tiene molto bene la posizione sulla fascia a lui affidata, ma si concede anche sgroppate contenute, al fine di poter rientrare in tranquillità.

Elegante: si destreggia in sovrapposizioni con una leggiadria tipica di un veterano della fascia sinistra, la sua corsa è fluida ed accomodante.

Utile: è il classico caso di “non si sente però c’è”, infatti è presente nella manovra offensiva, creando un appoggio sicuro ai centrocampisti, ma anche in fase difensiva dimostra attenzione e dedizione.

Insomma come si suol dire, nei momenti di difficoltà trovi sempre armi in più per combattere, questo è assolutamente il caso dell’algerino, pronto a far ricredere Spalletti anche quando tornerà Mario Rui.

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 24 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente sono laureato alla triennale, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Translate »
error: Content is protected !!