Non ditelo a nessuno

Il primo verdetto di metà stagione è arrivato domenica sera. Il Napoli con due giornate di anticipo è campione d’inverno, ma non ditelo a nessuno.

Mi raccomando, tenete il segreto, che nessuno lo sappia. Come è possibile che dopo le cessioni di Agosto il Napoli di De Laurentiis, Giuntoli e Spalletti, che erano stati già crocifissi a Giugno, sia davanti a tutti. Davanti al Milan campione d’Italia, all’Inter regina di Coppe, alla Juventus che ha in rosa più campioni del mondo della storia mondiale e mister 70 milioni alias Vlahovic (che è più forte di Osimhen). Ma non vi azzardate a dirlo a nessuno. E infatti le principali testate sportive e le trasmissioni sportive tacciono denigrando in qualche caso anche questo traguardo che, se raggiunto da altre squadre negli anni precedenti, veniva celebrato con già il mezzo scudetto assegnato ben stampato in prima pagina.

Negli studi televisivi si glissa e si parla invece dei veri campioni, quelli dei “clean sheet” da non confondere con i “balance sheet”, ovvero i bilanci, in profondo rosso di cui è lesa maestà parlarne. Eh si, siamo alle solite. Il Napoli lassù è scomodo. “Lottiamo contro tutti quanti” disse Diego quel lontano 4 Gennaio 1987 quando il Napoli cadde a Firenze per la prima volta in campionato (un pò come quest’anno a Milano…stessa data…sarà un caso?). Il Napoli vince a Genova e le milanesi pareggiano subendo rimonte all’ultimo minuto e da Torino l’orologio è sempre amico nei minuti finali (la ribattezzeranno zona Allegri e non più Cesarini). Ma il Napoli ha avuto il rigore (sbagliato), il Napoli ha giocato in undici contro dieci (espulsione sacrosanta)…..sette punti di vantaggio? Ma Spalletti non regge. Campioni di che? Ha osato dire qualcuno in diretta tv.

Si avete ragione, meglio che non lo dite a nessuno, meglio che lasciate stare le cose come stanno, meglio che parlate delle altre squadre. Guai a parlare di bilanci in rosso, di tribunali, di penalizzazioni alle porte, il campo è l’unico giudice anche se poi non capisci perchè ci si scandalizzi per delle plusvalenze fatte a fin di bene.

Non ditelo a nessuno che Spalletti per la prima volta in carriera è Campione d’Inverno, in Italia (lo è stato solo in Russia). Mica ha fatto otto “clean sheet” di fila. Mi piace ricordare quanto Seneca scriveva a Lucillo: “rivendica la proprietà di te stesso e il tempo che ti appartiene custodiscilo” Sarà poi il tempo a regalare la felicità a chi se la merita davvero ma soprattutto a chi saprà guadagnarsela. La felicità di oggi preserviamola e facciamone tesoro per il futuro per averne una più grande…ssshhhh…ma non lo ditelo a nessuno!

Translate »
error: Content is protected !!