Spalletti:”Domani come una finale, l’Ajax reagirà”, Raspadori:”I miei gol merito di tutta la squadra”

Luciano Spalletti e Giacomo Raspadori hanno parlato in conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Ajax. Riportiamo di seguito le loro dichiarazioni

Spalletti:“In alcuni momenti, domenica, il ritmo è stato più basso di quello delle altre partite. Va sicuramente tenuta in considerazione la maniera in cui giocavano i nostri avversari e i problemi che ci hanno creato. I miei si sono allenati benissimo, sono fiducioso. Ci giochiamo la qualificazione al Maradona con lo stadio pieno, sappiamo che l’Ajax avrà una reazione dopo il risultato della scorsa settimana. Dobbiamo interpretare la gara come se fosse una finale, mettendoci dentro tutto l’atteggiamento carico di voglia e di fame e senza fare nessun tipo di calcolo. Sarebbe un errore pericoloso andare a modificare la nostra ricerca del risultato. Avere Osimhen è un punto di forza perché è un calciatore top, non potevamo prevenire l’infortunio di Rrahmani: sono cose che possono succedere a tutti. Dispiace perché Amir per noi è una perdita importante, ma tutti si sono allenati bene e abbiamo carte importanti da giocare. Questo girone presentava tantissime difficoltà perché i club che ci sono caratterizzano la Champions e ne determinano la qualità. Bisogna alimentare la voglia e la qualità, così come la ricerca in tutte le cose che ci sono dentro la partita. Anche noi all’andata abbiamo avuto delle difficoltà, ma poi siamo stati bravi a reagire con i nostri campioncini. Domani proveremo a cominciare la gara in maniera corretta. Noi sappiamo quello che è stato il comportamento per arrivare a questi risultati, bisogna adesso provare a dare continuità. Siamo fiduciosi della forza che abbiamo. Domani sicuramente qualcosa cambieremo, ma non dico chi…Nelle prossime due conferenze parleranno Simeone e Mario Rui.”

Raspadori:“Vogliamo alimentare entusiasmo e risultati positivi, perché lavoriamo ogni giorno. Siamo contenti per il ritorno di Victor. Più siamo e meglio è, giochiamo ogni tre giorni e garantisco che la competizione fa bene ed è sana. Avere la fiducia del mister è stato un aspetto molto importante. Mi sono sentito subito all’altezza, i miei compagni insieme a me cercano di fare il meglio per tutti. Dobbiamo cercare di migliorare la mentalità che si sta costruendo, bisogna avere la concentrazione sempre alta. Questo è il nostro principale obiettivo, per scendere in campo con forza e coraggio soprattutto nel calcio europeo.Io credo che anche i gol che ho fatto siano frutto di un grande lavoro di squadra, il merito è dei miei compagni che hanno saputo servirmi nel migliore dei modi. Io mi sono sempre sentito un attaccante, mi trovo a mio agio nel ruolo di centravanti.”

Translate »
error: Content is protected !!