Oltre la sofferenza: il famelico Kvara riporta il Napoli in vetta

Comanda Kvara: il Napoli cala la decima sinfonia.

Parola d’ordine: continuità. Dopo le esaltanti prestazioni di questa prima parte di stagione il Napoli affronta il Bologna di Thiago Motta allo stadio Maradona. Spalletti inserisce Ndombele in luogo dell’infortunato Anguissa, confermando inoltre Raspadori nel ruolo di prima punta. I felsinei, orfani di Arnautovic, propongono Dominguez e Barrow a supporto di Zirkzee. Contro una compagine ben disposta in campo e che effettua una gara prettamente di contenimento, rinunciando quasi del tutto a proporre un possesso, i partenopei pagano l’assenza di un centravanti fisico che possa allungare la squadra. Ciononostante, nella prima frazione di gioco gli uomini di Spalletti riescono anche a mettere in atto delle azioni degne di nota, ma Raspadori si trova spesso isolato in fase offensiva e non servito frequentemente. Il Napoli imposta con la consueta lucidità: Kvaratskhelia e Mario Rui si rendono pericolosi sull’out di sinistra, allo stesso Politano e Ndombele si fanno vedere con continui tentativi di inserimento. È sempre il talento georgiano a innescare i principali pericoli, con una serie di dribbling riusciti, conclusioni verso la porta e un passaggio illuminante per Politano, che spreca clamorosamente davanti alla porta avversaria. Anche Raspadori sfiora il bersaglio grosso, dopo essere stato servito ancora da Kvara. Dal trentesimo minuto comincia a farsi vedere anche il Bologna, con qualche cambio di gioco interessante e soprattutto beneficiando della qualità di Nico Dominguez, che tra le linee impensierisce la retroguardia partenopea. Dai piedi del numero 8 nasce la combinazione che porta alla rete di Zirkzee, prima marcatura in Serie A per lui, ben assistito da Cambiaso. Momento di apprensione e appannamento, che però viene immediatamente spazzato via dalla zampata vincente di Juan Jesus in occasione di un corner dalla destra.
Nella ripresa entrano subito Lozano e Osimhen al posto di Politano e Raspadori. Ndombele prova il destro, che esce di poco fuori. Al quarantottesimo Kvaratskhelia va via sulla sinistra, poi impegna Skorupski, Osimhen la tocca e Lozano ribadisce in rete. Sembra incanalarsi tutto verso il verso più favorevole, tuttavia Meret compie un’incertezza grossolana facendosi beffare da una conclusione da fuori di Barrow, tutt’altro che imparabile. Saltano quasi tutti gli schemi: il Napoli non riesce più a palleggiare in maniera fluida, al contrario la formazione di Thiago Motta inizia a crederci maggiormente creando vari pericoli sulla trequarti, con il solito Barrow a provarci da tutte le posizioni ed Aebischer che mostra di essere davvero un profilo di valore. Quando le cose si complicano c’è sempre Kvara a togliere le castagne dal fuoco: passaggio in profondità per Osimhen, che stavolta parte con il tempo giusto e sotto porta batte Skorupski. Uno stremato Ndombele lascia il campo ad Elmas. Nonostante il vantaggio gli azzurri lasciano tanti spazi tra centrocampo e difesa, rischiando anche la frittata a causa di un errore in impostazione da parte di Meret. Dall’altra parte Zielinski spreca il match point, poi (notiziona) Lobotka può tirare il fiato lasciando spazio a Demme. Finale rovente: Elmas e Lozano perdono in malomodo un possesso, il Bologna va ad un passo dal gol nella circostanza di un angolo in cui Meret ha mancato l’uscita. Ultima goccia di sudore e Kvara veste anche il ruolo di gregario, recuperando palloni fondamentali a ridosso della linea laterale di campo. Tensione estrema fino al quarto minuto di recupero: al triplice fischio si alza un urlo collettivo di liberazione. Il Napoli comincia ad accusare le fatiche di tante partite ravvicinate, ma porta a casa tre punti di importanza notevole. Domenica prossima i partenopei se la vedranno con la Roma di Mourinho allo stadio Olimpico. Saranno sette giorni di preparazione, gestione di energie e strategie per cercare di fare il colpo grosso nella capitale. Nel frattempo la compagine di Spalletti si gode il primato e la decima vittoria consecutiva.

Translate »
error: Content is protected !!